Rendiconto Bonus Scuola: tempo fino al 31 Agosto 2016 - Corsi e Certificazioni Informatiche Bari - Ugolopez.it

Blog

Come procedere al rendiconto necessario per le spese dei 500 bonus scuola?

Ormai la data è arrivata: 31 Agosto 2016. Questo è il termine massimo per tutti i docenti di tutte le scuole italiane per consegnare il rendiconto sul bonus dei 500 euro dati dalla riforma alla formazione di Renzi.

In tutte le segreterie scolastiche i docenti sono in fermento: ma a cosa serve questo rendiconto?

Il rendiconto garantirà l’effettiva presa visione di tutte quelle spese o la spesa effettuata in formazione durante l’anno scolastico così da evitare in un momento successivo il recupero della somma da parte del ministero dell’istruzione.

Eesattamente, chiunque non abbia speso il bonus o presenterà una documentazione scorretta vedrà dal suo conto (se non in possesso della carta docente) prelevata la somma.

Il recupero verrà fatto sulle somme ancora disponibili e, nel caso in cui risultino non sufficienti, il Miur procederà al recupero sul bonus formazione previsto per l’anno scolastico 2016/2017.

Come realizzare il rendiconto?

Molti sono ancora incerti o in dubbio sull’esatta compilazione del modello di rendiconto. Per fortuna in allegato sotto questo articolo potrai trovare un modello preimpostato da compilare, inserendo queste poche informazioni qui sotto:

  • cognome, nome e codice fiscale del docente;
  • il numero progressivo delle operazioni di acquisto;
  • la tipologia degli acquisti effettuati tra le spese di iscrizione a corsi di aggiornamento, compere di libri, sia cartacei che digitali, di prodotti hardware o di programmi informatici, di biglietti per cinema, teatri, spettacoli, mostre o altro evento di natura culturale, oltre ad altre attività formative che siano in linea con quanto predisposto dal piano triennale dell’offerta formativa della propria scuola;
  • il numero e la data risultante in fattura o sullo scontrino;
  • l’intestatario, ovvero il negozio di acquisto dei prodotti culturali o il gestore dei servizi culturali;
  • l’importo singolo pagato ed il totale (in Excel basterà selezionare gli importi e cliccare sulla funzione della “somma automatica” per avere il totale delle spese sostenute);
  • l’eventuale parte di bonus non spesa.

Qualora tu non abbia ancora speso il tuo bonus clicca pure sul pulsante “Scopri come utilizzare il bonus per alcune comode FAQ sull’argomento o leggi il nostro precedente articolo “Cosa acquistare con il bonus scuola”

Pin It on Pinterest

Share This